stampa-Ftu

stampa

Trento, 23 ottobre 2018
Il dottorato e poi.

Dina Rizio.
Dopo aver conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Sviluppo Locale e Dinamiche Globali presso la Scuola in Scienze Sociali dell’Università degli Studi di Trento con una tesi dal titolo: “A multicriteria perspective to integrate environmental management and environmental accounting in the tourism industry. The case of Small and Medium-sized Hotel Enterprises (SMHEs) in the Alpine Province of Trento”- grazie al contributo della Fondazione Caritro e di ASAT attraverso una borsa di studio triennale di dottorato per il tramite della Fondazione Trentino Università - ha ricevuto il premio come migliore dottoressa di ricerca per l'anno accademico 2014-2015 nell’ambito della Cerimonia di Laurea pubblica dell’Ateneo di Trento.

L’ambito della ricerca è stato il settore turistico ed in particolare i servizi alberghieri della provincia di Trento. Tali servizi alimentano gran parte della spesa turistica – quindi sono fonte di molteplici benefici economici – ma sono anche responsabili di elevati consumi di energia, acqua e risorse naturali. Stante questa premessa, due sono stati gli obiettivi del suo lavoro: in primo luogo analizzare le scelte manageriali degli albergatori per comprendere se e quali iniziative innovative vengano applicate presso le loro strutture per rendere più sostenibile le relative attività e, in secondo luogo,  misurare la performance ambientale di queste aziende attraverso il metodo della contabilità ambientale.

Sebbene la strada verso la perfetta integrazione fra scelte economiche vincenti e tutela delle risorse ambientali sia ancora lunga, la ricerca ha permesso di mappare quali e quanto numerose siano le buone pratiche sostenibili intraprese dagli albergatori trentini e ha permesso di misurare quanto benefiche possano essere tali pratiche per l’ambiente.

Durante il progetto di ricerca ha avuto la possibilità di collaborare con il gruppo di ricerca multidisciplinare EMASUS (Economics, Management and SUStainable Consumption) che afferisce al Dipartimento di Economia e Management dell’Università degli studi di Trento, partecipare ad una summer school, a seminari di approfondimento e visiting presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie dell’Università degli Studi di Napoli Parthenope e il Venice Centre for Climate Studies (VICCS) dell’Università Cà Foscari Venezia.

Nel  2018 ha pubblicato, su una prestigiosa rivista internazionale, un articolo scientifico tratto dalla sua tesi di dottorato dal titolo: Environmental management practices for sustainable business models in small and medium sized hotel enterprises.

Questo progetto di ricerca le ha dato inoltre l’opportunità di consolidare le capacità analitiche oltre che le competenze in sostenibilità ambientale.

Capacità e competenze trasversali che ha potuto valorizzare anche fuori dal contesto accademico collaborando con un’azienda trentina nell’ambito dell’edilizia sostenibile e del risparmio energetico, temi in rapida e costante evoluzione che richiedono un nuovo approccio maggiormente attento ad una progettazione che tenga conto della biocompatibilità, della sostenibilità delle costruzioni al fine di limitare gli impatti nell'ambiente.

 
 
logo_caritro     W_093_14_logo_FTU_colore    
logo_asat